Formazione alle professioni educative – Corso ad esaurimento

Classe 19
Formazione alle professioni educative
Corso ad esaurimento *

 


* Fruibile per gli studenti immatricolati fino all’Anno Accademico 2013 / 2014

 

 


 

1.  Istituzione

L’Università telematica “Leonardo da Vinci”, Facoltà di Scienze della Formazione, in convenzione con l’Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, istituisce il Corso di Laurea interateneo in Formazione alle professioni educative (classe 19) della durata di 3 anni accademici.

 

2.  Definizione degli obiettivi formativi specifici e descrizione del percorso formativo

I laureati nel corso di laurea devono aver acquisito:

  • conoscenze teoriche di base e competenze operative nelle scienze pedagogiche e metodologico-didattiche, integrate da ambiti differenziati di conoscenze e competenze nelle discipline sociologiche e psicologiche, ma sempre in relazione ad una prevalente formazione generale relativa alla conoscenza teorica, epistemologica e metodologica delle problematiche educative nelle loro diverse dimensioni, compresa quella di genere;
  • conoscenze teorico-pratiche per l’analisi della realtà sociale, culturale e territoriale, e competenze per elaborare, realizzare, gestire e valutare progetti educativi, al fine di rispondere alla crescente domanda educativa espressa dalla realtà sociale e dai servizi alla persona e alle comunità;
  • abilità e competenze pedagogico-progettuali, metodologico-didattiche, comunicativo-relazionali, organizzativo- istituzionali al fine di progettare, realizzare, gestire e valutare interventi e processi di formazione continua, anche mediante tecnologie multimediali e sistemi di formazione a distanza;
  • una solida cultura di base nelle scienze della formazione dell’infanzia e della preadolescenza finalizzata ad acquisire competenze specifiche, saperi trasversali, metodi e tecniche di lavoro e di ricerca per gestire attività di insegnamento/apprendimento e interventi educativi nei servizi;
  • il possesso fluente, in forma scritta e orale, di almeno una lingua dell’Unione Europea, oltre l’italiano;
  • adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell’informazione.

Gli obiettivi formativi del corso, quindi, si esprimono in termini di prima formazione e di formazione in servizio, spesso frustrata da problemi di frequenza dei tradizionale corsi in presenza. Il corso on line si rivolge prevalentemente, ma non in via esclusiva, a quanti per motivazioni diverse troverebbero difficoltoso accedere ad un tradizionale corso di laurea in presenza, con particolare attenzione alle esigenze formative dei soggetti diversamente abili (art. 38, comma 3, Cost.).  Infine la modalità on line concorre all’attuazione del principio costituzionale relativo alla finalità rieducativa della pena (art.  27, comma 3, Cost.).  A quanti siano interessati alle professioni educative si offre un corso di laurea on line, completo di materiali didattici, test di autovalutazione, assistenza tutoriale e professorale mediante una pluralità di strumenti di comunicazione sincroni ed asincroni.  La formazione proposta investe prevalentemente le competenze trasversali delle professioni educative, cioè quei saperi di carattere pedagogico, didattico, psicologico e socio-educativo, costituenti la struttura portante delle figure professionali che rappresentano la finalità del corso stesso, nelle sue specifiche determinazioni.  Il curriculum comprende attività di tirocinio formativo guidato e prevede adeguate conoscenze linguistiche ed informatiche. I risultati di apprendimento verranno accertati periodicamente mediante le modalità tradizionali di verifica e di valutazione (prove orali e/o scritte), svolte in presenza, esclusivamente nella sede dell’Ateneo telematico, nel rispetto della normativa. Il lavoro connesso alla prova finale e la relativa discussione risponderanno ai criteri consolidati nel sistema universitario.

 

 

3.  Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)

I laureati conseguiranno una solida conoscenza dei fondamenti delle scienze dell’educazione, tale da soddisfare gli obiettivi di apprendimento del corso di studio, attraverso un adeguato numero di CFU in insegnamenti come Pedagogia generale, Pedagogia sociale, Pedagogia speciale, Storia della pedagogia, Didattica generale, Legislazione scolastica, Educazione degli adulti, Sociologia generale, Sociologia dell’educazione, Psicologia generale, Psicologia dell’educazione, finalizzati alla conoscenza delle problematiche educative e, in relazione ai diversi contesti, alla capacità di  progettare risposte adeguate.  Inoltre, attraverso specifici insegnamenti presenti nel piano formativo, come ad esempio Informatica, E-learning, Comunicazione istituzionale e dell’informazione, Statistica sociale, Diritto pubblico, Diritto dell’Unione europea, lingua straniera, i laureati acquisiranno:

  • conoscenza dei principi della comunicazione istituzionale;
  • conoscenze avanzate in informatica e nell’uso delle TIC, della FAD di terza generazione, dell’ambiente WEB.2, con particolare riferimento alle professionalità (tutoring, progettazione, monitoraggio, valutazione) spendibili nei relativi settori;
  • conoscenze di statistica per la rilevazione di dati, andamenti, bisogni ecc. nel campo della formazione;
  • conoscenze relative al diritto pubblico e dell’Unione europea, in relazione alle attività formative svolte da soggetti pubblici o secondo normative comunitarie;
  • conoscenza di almeno una lingua straniera oltre l’italiano.

Completano il quadro formativo le discipline che, come Letteratura italiana moderna e contemporanea e le storie moderna e contemporanea, concorrono ad un’adeguata conoscenza delle linee di sviluppo delle culture della modernità.

 

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

Attraverso lo studio delle scienze dell’educazione e le attività di tirocinio formativo negli ambienti professionali di riferimento, pubblici e privati – come istituti scolastici ed extrascolastici, centri di formazione, enti di recupero e assistenza del disagio, enti, aziende ed imprese – gli studenti saranno chiamati a confrontarsi con le diverse realtà educative, al fine di acquisire conoscenze e competenze per:

  • identificare, formulare e risolvere problemi educativi usando metodi scientificamente consolidati;
  • analizzare prodotti, processi e metodi delle pratiche educative;
  • utilizzare adeguati metodi analitici nei contesti educativi, relazionali, di gestione e sviluppo del capitale umano;
  • progettare, realizzare e verificare interventi educativi in vista di specifiche finalità.

 

Autonomia di giudizio (making judgements)

Tutte le attività verranno svolte secondo i più consolidati risultati della ricerca educativa ed attraverso moderne metodologie didattiche, al fine di fornire ai laureati autonomia di giudizio e conoscenza dei metodi adeguati per condurre attività di ricerca teorica e di ricerca-azione, indagini ed approfondimenti.  In particolare:

  • la capacità di svolgere ricerche e di utilizzare dotazioni bibliografiche, basi di dati e altre fonti di informazione;
  • la capacità di progettare e condurre interventi appropriati, interpretare i dati e trarre conclusioni;
  • la capacità di scegliere e utilizzare tecnologie e metodologie appropriate;
  • la capacità di coniugare teoria e pratica per risolvere problemi di carattere educativo e relazionale;
  • una comprensione delle soluzioni educative applicabili e dei loro limiti.

 

Abilità comunicative (communication skills)

Le attività formative sono finalizzate, in modo trasversale, al potenziamento delle abilità comunicative.  I laureati acquisiranno, in particolare, l’abilità di:

  • sviluppare capacità di osservazione e di ascolto dell’altro, con particolare attenzione ai soggetti deboli (diversamente abili, anziani, malati, stranieri;
  • migliorare le proprie capacità relazionali nelle diverse modalità comunicative;
  • gestire, attraverso la comunicazione, eventuali situazioni critiche nel proprio contesto professionale;
  • valutare in modo critico la qualità e l’efficacia delle diverse modalità espositive attraverso la scelta delle strategie e dei canali più idonei rispetto ai contenuti da veicolare;
  • ottimizzare l’efficacia della propria comunicazione finalizzata al team building e al team leading.

 

Capacità di apprendimento (learning skills)

Il corso si propone di incrementare le capacità (attenzione, continuità e verifica dell’apprendimento) che consentono l’instaurarsi di processi di autoformazione, di trasferimento delle conoscenze tra campi diversi, nella prospettiva dell’«apprendere ad apprendere».  Il corso si propone inoltre di sviluppare la capacità di apprendimento nei processi di aggiornamento negli ambiti professionali e della ricerca, al fine di coniugare conoscenze teoriche e modalità applicative.

 

4.  Sbocchi occupazionali

Il corso di laurea on line è indirizzato a quanti intendono acquisire competenze certificate nelle professioni educative:

  • insegnanti in servizio nella scuola primaria, portatori di esperienze formative e professionali che, nel rispetto del Decreto-legge 3-10-2006 n. 262, convertito nella legge 24-11-2006, n. 286, possono essere accreditate per conseguire una laurea;
  • operatori della formazione, privi di laurea specifica, che intendono approfondire e certificare una preparazione di livello superiore nel campo delle professioni educative;
  • diplomati di scuola secondaria che desiderano avviarsi alle professioni educative nel sistema formativo pubblico e privato, all’interno o all’esterno della scuola;
  • laureati neo-assunti nella scuola, ai quali l’Amministrazione Scolastica chiede una formazione adeguatamente certificata, o insegnanti in servizio per i quali l’aggiornamento professionale costituisce non solo un «diritto- dovere» (art. 7 DPR 419 del 31-5-74).

 

Gli sbocchi occupazionali previsti sono:

  • in attività di educatore e animatore socio-educativo nelle strutture pubbliche e private che gestiscono e/o erogano servizi sociali e socio-sanitari (residenziali, domiciliari, territoriali) previsti dalla normativa vigente e riguardanti famiglie,minori, anziani,soggetti detenuti nelle carceri, stranieri, nomadi, e nei servizi culturali, ricreativi, sportivi (centri di aggregazione giovanile, biblioteche, mediateche, ludoteche, musei, ecc.);
  • nei servizi di educazione ambientale (parchi, ecomusei, agenzie per l’ambiente, ecc.);
  • in attività professionali come formatore, istruttore o tutor nei servizi di formazione professionale e continua, pubblici, privati e del privato sociale, nelle imprese e nelle associazioni di categoria;
  • educatori nei nidi e nelle comunità infantili, nei servizi di sostegno alla genitorialità, nelle strutture prescolastiche, scolastiche ed extrascolastiche, e nei servizi educativi per l’infanzia e per la preadolescenza;
  • assistente domiciliare e dei servizi tutelari, operatore socio-educativo, assistente infantile, educatore ed animatore in case di riposo, centri diurni per disabili psichici, reparti ospedalieri, assistente ed educatore per disabili negli asili nido, scuole dell’infanzia, scuole primarie.

La normativa vigente in materia di formazione iniziale degli insegnanti non consente il conseguimento della abilitazione all’insegnamento nelle scuole dell’infanzia e primarie.

 

5.  Requisiti per l’accesso

Requisiti amministrativi

Possono essere ammessi al Corso di Laurea in Formazione alle professioni educative gli studenti che siano in possesso di un Diploma di Scuola secondaria di secondo grado di durata quinquennale o di titolo estero riconosciuto idoneo ai sensi delle leggi vigenti e nelle forme previste dal Regolamento Didattico di Ateneo.  Possono altresì essere ammessi al Corso di Laurea, come stabilito da una nota del Ministero dell’Istruzione, Università e ricerca del 22 maggio 2003, confermata dalla Avvocatura Generale dello Stato con nota del 17 maggio 2004, anche gli studenti che siano in possesso di diploma di scuola secondaria superiore di durata quadriennale, qualora non sia più previsto l’anno integrativo, ferma restando la valutazione del Consiglio di corso di laurea per l’individuazione di eventuali debiti formativi conseguenti alla mancata frequenza del medesimo.

 

Requisiti formativi

Quanti siano in possesso di documentate esperienze formative e professionali, congruenti con il corso di laurea ed accreditabili per l’iscrizione allo stesso, possono chiedere il riconoscimento dei crediti relativi. La valutazione dei titoli risponde ai criteri di cui alla normativa vigente, con particolare riferimento all’art.  5 del DM 22-10-2004 n.  270, alla nota Prot. l49/Segr/DGU/2006, all’art. 37 comma 2 del Decreto-legge 3-10-2006 n. 262, divenuto art. 147 della legge di conversione 24-11-2006 n.  286, e di ogni successiva modificazione.

La procedura di riconoscimento crediti ha carattere rigorosamente personale;  pertanto non sono previsti riconoscimenti a favore di gruppi, categorie o settori professionali.

Per l’iscrizione al corso di laurea si richiede un’adeguata conoscenza di cultura generale ed in particolare delle discipline di base caratterizzanti il corso stesso, alla stregua della formazione ricevuta nella scuola secondaria di secondo grado di cui ai Requisiti amministrativi, nei seguenti settori: scienze dell’educazione, psicologia, sociologia, lingua italiana, storia, elementi di logica e matematica. A quanti non siano in possesso di cittadinanza italiana si richiede altresì un’adeguata conoscenza della lingua italiana. Il possesso delle conoscenze richieste sarà verificato non oltre la prima sessione d’esame successiva alla data di iscrizione.  La verifica sarà condotta mediante esame in presenza, esclusivamente nella sede dell’Ateneo telematico, e consisterà in una o più prove in forma orale e/o scritta. La verifica ha carattere orientativo e non selettivo e non preclude l’iscrizione al corso di laurea. Il recupero di eventuali debiti formativi avverrà tramite lo svolgimento di attività ordinarie e/o integrative, da concludere non oltre il primo anno di corso.  Qualora lo studente rifiuti di sottoporsi alla verifica o non recuperi il debito formativo, il Consiglio di corso di laurea assume i provvedimenti del caso, compresa la non l’iscrizione al II anno di corso e la re-iscrizione al I anno come “ripetente”.

 

6.  Caratteristiche della prova finale

La prova finale consiste nell’elaborazione scritta di: a) una ricerca teorica su uno specifico argomento connesso ai settori disciplinari delle professioni educative o b) un progetto su specifici interventi professionali in settori connessi alle professioni educative o c) una ricostruzione criticamente riflessa di un’esperienza professionale o di tirocinio in settori connessi alle professioni educative.  L’elaborazione e la discussione della prova finale sono guidate da un docente relatore.

 

7.  Tutorato

Il corso di laurea assicura una qualificata assistenza tutoriale come componente essenziale del processo formativo.  Il sevizio di tutorato utilizza tutte le risorse sincrone ed asincrone rese disponibili dalla ricerca in E-learning.  Il Consiglio di Corso di Laurea nomina i Tutor fra i propri docenti e ricercatori.  Su proposta del titolare dell’insegnamento, può incaricare annualmente, per lo svolgimento del compito di tutor, anche personale di documentata competenza nel campo dell’ E-learning.

 

8.  Passaggio di corso

Gli studenti iscritti al Corso di laurea in Formazione alle professioni educative (classe 18, ex DM 509/99) hanno la possibilità di chiedere il passaggio all’analogo Corso di laurea classe 19 ex DM 270/04. I crediti acquisiti nel percorso precedente saranno riconosciuti previa verifica dei programmi di studio e dei crediti acquisiti, nonché (ove necessario) previo espletamento di eventuali prove integrative.  La richiesta di passaggio comporta l’accettazione da parte dello studente dei riconoscimenti, delle prescrizioni e delle eventuali tasse aggiuntive secondo le indicazioni degli organi competenti.

 

9.  Piano di studi e propedeuticità

Il piano di studi del corso di laurea non prevede obblighi di propedeuticità.

Il piano di studi del corso di laurea comprende attività formative per 180 CFU così ripartiti:

17 insegnamenti obbligatori            144 CFU

2 insegnamenti a scelta                    12 CFU

Lingue straniere                                 6 CFU

Tirocini formativi e di orientamento  10 CFU

Prova finale                                       8 CFU

 


 

Piano di studi

 

Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04)

valido per gli studenti immatricolati a partire dal 01/08/2009

 

Vecchio Ordinamento (D.M. 509/99)

valido per gli studenti immatricolati fino al 31/07/2009